Basket

Un ottimo avvio, tanto da chiudere il primo periodo praticamente alla pari.

Poi la coppia Staselis-Kibildis – sabato scorso al Palafiom per la quinta giornata del campionato C silver – è salita in cattedra facendo prendere il largo alla Dinamo, squadra non a caso al vertice del campionato a punteggio pieno.

I ragazzi di Giovanni Menga hanno tenuto bene il campo sin quando hanno potuto, cedendo contro la capolista brindisina (-29 punteggio finale) come da pronostico, soprattutto a causa di un secondo periodo da dimenticare.

Che fosse una gara complicata lo sapevamo… Noi abbiamo fatto il primo periodo molto bene, riuscendo anche ad andare sul +9. E difendendo alla grande. Nel secondo quarto il duo straniero, il cui valore è di categoria superiore alla C silver, ha registrato percentuali elevate da 3… tanto da segnare, alla fine, più della metà dei canestri di squadra”.

Coach Menga elogia comunque i suoi ragazzi. “Sono stati bravi a tentare di restare agganciati alla partita. Abbiamo fatto il basket per il quale ci alleniamo tutti i giorni. Stiamo recuperando gli infortunati (Ragusa mancava da tre settimane, Salerno non era al meglio) e adesso proviamo ad allenarci al completo per farci trovare pronti per Trani. Dobbiamo lavorare tanto per puntare ad essere costanti nei quaranta minuti…”.

Sabato prossimo, 4 dicembre 2021, il Santa Rita Basket Taranto sarà di scena a Trani per la sesta gara di campionato della serie C silver. Palla a due ore 19.30.

 

SANTA RITA TARANTO 72 – DINAMO BASKET BRINDISI 101

25-27, 17-34 (42-61), 15-21 (57-82), 15-19

 

SANTA RITA TARANTO

MOFFA, BISANTI 10, INVIDIA 13, RAGUSA 8, ZICARI 5, EGITTO 11, SALERNO 8, PACIFICO 2, BITETTI 12, MIRABILE 3, MALLARDI, FANIZZI ne

All. MENGA, ass. SIMONETTI

 

DINAMO BRINDISI

GRECO, STASELIS 29, EPIFANI 4 PELLECCHIA ne, ROLLO 7, GUADALUPI 1, PULLI 8, CALOIA 4, LABATE 3, MAZZEO 1, SCIVALES 5, KIBILDIS 37

All. CRISTOFARO, ass. CAPOCCIA

arbitri LATERZA – SQUEO di Bari

(ufficio stampa Sportale)

foto Aurelio Castellaneta

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment