Basket

Colpo esterno della Dinamo Basket che batte Brindisi 45 -61 e si regala il secondo successo esterno di una stagione che inizia a sorridere al gruppo guidato da coach Fabio Palagiano.

Il tecnico jonico recupera in extremis diversi elementi e sceglie di affidarsi al quintetto composto da De Bartolomeo, Galleggiante, Capriulo, De Nitto e Ciminelli, tra le adriatiche Paglaiara, che sostituisce Ermite punta invece su Nobile, Tamborrino, Mazzone, Stabile e Fontana.

L’avvio di contesa sorride alle ospiti che sin dalle prime battute mettono in mostra la giornata di grazia di Ciminelli e Galleggiante, autrice di quattro triple. La parte centrale risalta un ritorno delle padrone di casa che capovolgono il break jonico, chiudendo sul 16 -12 il primo periodo.

Nel secondo quarto Dinamo si risveglia e complici anche le rotazioni di Palagiano, riesce a mettere la freccia, giungendo all’intervallo lungo sul 31 – 22 in proprio favore.

Tutt’altra musica alla ripresa con Brindisi che prova a forzare la mano nel tentativo rientrare il gara ma la sontuosa prova difensiva delle rossoblu non lascia gioco facile a Stabile e compagne, che anzi sprofondano sotto i colpo di De Bartolomeo che valgono il + 15 con cui ci si affaccia all’ultimo quarto, nel quale il colpo esterno viene certificato da una gestione matura del risultato, sino alla sirena che chiude i giochi, consegnando agli almanacchi la seconda affermazione lontano dal parquet amico della compagine jonica, che adesso può iniziare a sognare in grande.

Intrepida Basket Brindisi – Dinamo Taranto 45 – 61 (12 – 16, 22 – 31, 30 – 45)

Intrepida: Mazzone 4, Nobile 1, Celli, Tamborrino 10, Saracino n.e., Fontana 8, Turco n.e., Baldassarre 9, Siragusa, Stabile 13. (all. Annarita Pagliara).

Dinamo: Viesti n.e., Galleggiante 13, De Pace 8, De Nitto 7, Capriulo 2, Ciminelli 15, Gobbi, De Bartolomeo 13, Tricase, Conte 1, Molino, Cristella 2. (all, Fabio Palagiano).

Arbitri: Matteo Urso di Ceglie Messapica (Brindisi) e Giacomo Tornese di Monteroni di Lecce (Lecce).

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment