Basket

I rossoblu in un PalaMazzola quasi vuoto per via della capienza limitata se la giocano per oltre tre quarti ritrovando capitan Conte ma la Lux allunga nel finale. In 4 in doppia cifra

CJ BASKET TARANTO – LUXARM LUMEZZANE 72-95

Parziali: 16-20, 10-21, 29-24, 17-30

CJ Basket Taranto: Francesco Reggiani 21 (5/9, 3/10), Matteo Ambrosin 15 (3/5, 3/5), Giovanni Ragagnin 13 (2/6, 1/5), Martin Kovachev 12 (4/6, 1/2), Gianmarco Conte 8 (2/3, 1/2), Matteo Chiapparini 3 (0/2, 0/3), Eugenio Gigante 0 (0/2, 0/0), Francesco Montanaro 0 (0/0, 0/0), Stefano Pichierri 0 (0/0, 0/0), Matteo Minelli 0 (0/0, 0/0). All. Cottignoli.

STAT – Tiri liberi: 13 / 17 – Rimbalzi: 30 6 + 24 (Martin Kovachev 10) – Assist: 17 (Giovanni Ragagnin 6)

LuxArm Lumezzane: Kevin Ndzie 23 (11/14, 0/0), Simone Vecerina 17 (6/15, 1/3), Marcis Vitols 15 (1/1, 4/8), Daniele Mastrangelo 11 (1/3, 3/7), Leonardo Biancotto 8 (2/2, 1/1), Tommaso Minoli 4 (0/2, 1/4), Manuel Di meco 4 (2/3, 0/1), Stefano Spizzichini 4 (1/2, 0/1), Edoardo Maresca 3 (0/0, 1/3), Francesco Deminicis 3 (0/0, 1/3), NicolÒ Salvinelli 3 (0/0, 1/1). All. Saputo.

STAT – Tiri liberi: 8 / 13 – Rimbalzi: 41 12 + 29 (Kevin Ndzie 16) – Assist: 23 (Marcis Vitols 5)

Arbitri: Procida Alfonso di San Cipriano Picentino (SA) e Manganiello Andrea di San Giorgio Del Sannio (BN)

 

Fino al -7 per sperare, sognare di tornare alla vittoria. Ci ha provato ancora una volta il CJ Basket Taranto che per oltre tre quarti se la gioca contro la Lux Arm Lumezzane per poi capitolare alla distanza, con le rotazioni sempre limitate, nonostante il rientro di capitan Conte ovviamente non ancora al meglio della condizione dopo diversi mesi di stop. Alla fine gli ospiti si impongono per 95-72 nella gara valida come 29° giornata del campionato di serie B Nazionale girone B. Resta ancora una volta la prestazione in campo della squadra con 4 giocatori in doppia cifra: Reggiani (25 punti), Ambrosin (15), Ragagnin (13) e Kovachev (12 in doppia doppia con 10 rimbalzi).

 

Coach Cottignoli riabbraccia capitan Conte e lo lancia subito in quintetto con Ambrosin, Reggiani, Ragagnin e Kovachev. Coach Saputo risponde con Vidols, Ndzie, Vecerina, Di Meco e Minoli.

Non poteva che non essere di Gianmarco Conte il primo canestro su azione della partita. Il capitano rossoblu bagna così il suo rientro in campo trascinando Taranto all’inizio che parte bene con la tripla di Ambrosin e poco dopo la splendida azione che vede Ragagnin andare in penetrazione fino in fondo scaricare no look proprio per Conte che appoggia nella retina la palla, subisce il fallo e completa l’opera dalla lunetta per l’8-4 CJ. Sul più bello però Taranto invece di restare in fiducia si inceppa. Lumezzane piazza un break di 12-0 con Ndzie e Vecerina sugli scudi. Coach Cottignoli chiama timeout e ritrova una reazione dei suoi, Reggiani e Ambrosin rompono il digiuno, Taranto torna anche a -2 per poi chiudere sotto 16-20 il primo quarto.

Nel secondo quarto le percentuali si abbassano drasticamente, si sbaglia parecchio con Taranto che fatica ancora a trovare la via del canestro e forza troppo dalla distanza senza fortuna: comincia meglio Lumezzane che piazza un altro break con Vitols, Mastrangelo e Ndzie. Sul 21-33 coach Cottignoli si rifugia ancora in time out, Taranto prova a reagire ma le due triple di Vitols e Deminicis spingono i rossoblu a -15 alla sirena che annuncia l’intervallo.

Usciti dagli spogliatoi Taranto prova a rilanciarsi sulla spinta di Ragagnin e Ambrosin, Lumezzane però non si scompone, trova quasi sempre qualche tiro pulito per andare a segno come con Di Meco e resta in doppia cifra di vantaggio. Come nel primo quarto è capitan Conte a suonare la carica con una tripla che scioglie i rossoblu, Reggiani lo imita e concede il bis sempre da tre. Il CJ recupera ma non trova perché la Lux risponde quasi sempre colpo su colpo con Biancotto e Vitols. Nel finale di quarto i liberi di Chiapparini e Ragagnin segnano il 55-65 del 3° parziale.

Taranto c’è e se la vuole giocare, Reggiani va di tripla ancora, è il -7 che infiamma il centinaio di spettatori presenti al PalaMazzola. Il -7 viene ribadito da Kovachev in appoggio a canestro su assist di Ragagnin. Vitols trova la tripla che gela la rincorsa di Taranto, unita anche a un gioco da tre punti di Ndzie viziato da un’infrazione da tre secondi non fischiata dagli arbitri che invece sanzionano capitan Conte col tecnico per una protesta sembrata non eccessiva nei toni e nei modi. Taranto si ritrova a -15 e qui si perde definitivamente la maniglia della partita. Il resto è garbage time o quasi che serve ai vari Ambrosin, Reggiani, Kovachev e Ragagnin per arrotondare le proprie statistiche e in ultima battuta ai ragazzi della Virtus per prendersi l’ennesima meritata finestra a fine gara con Gigante, Montanaro, Pichierri e Minelli.

Finisce così 72-95 per Lumezzane. Il CJ Basket Taranto continua a testa alta il suo cammino in questo finale di stagione. Mercoledì si torna in trasferta, si torna in viaggio, a Imola, poi turno prepasquale sabato prossimo nel derby contro Ruvo.

Redazione
Author: Redazione