Basket

I rossoblu centrano il 2° successo di fila. Partita al fulmicotone decisa nel supplementare dalle triple di Cena (17pti come Corral) e dalla precisione di Rocchi (13) e Bruno (16).

Teramo A Spicchi – Cj Basket Taranto 71-75 dts

CJ Basket Taranto: Diego Corral 17 (6/11, 1/3), Enzo damian Cena 17 (1/3, 5/6), Santiago Bruno 16 (4/6, 2/5), Simone Rocchi 13 (1/4, 2/5), Francesco Villa 5 (1/2, 1/4), Gianmarco Conte 5 (1/4, 0/5), Mattia Graziano 2 (1/1, 0/1), Luca Sampieri 0 (0/0, 0/0), Francesco D’agnano 0 (0/1, 0/1), Marcello Piccoli 0 (0/0, 0/0), Andrea francesco Liace 0 (0/0, 0/0). All. Olive.

Teramo a Spicchi: Lorenzo Calbini 14 (3/7, 1/5), Federico Casoni 12 (3/3, 1/5), Sebastiano Perin 10 (3/7, 0/9), Mattia Sacchi 9 (0/2, 3/4), Giorgio Galipò 7 (3/7, 0/0), Arcangelo Guastamacchia 6 (2/7, 0/2), Mattia Melchiorri 5 (1/2, 1/1), Emidio Di donato 3 (0/2, 1/3), Alessandro Di febo 3 (0/0, 1/1), Luigi Cianci 2 (1/5, 0/0), Stefano Ferri 0 (0/0, 0/0). All. Gabrielli

Arbitri: Agnese Vincenzo di Barano D’ischia (NA) e Del Gaudio Arianna di Massa Di Somma

(NA). Parziali: 13-16, 28-30, 45-43, 61-61 (13-16, 15-14, 15-15, 18-16, 10-14). STAT TASP – Tiri liberi: 15 / 24 – Rimbalzi: 41 10 + 31 (Emidio Di donato 16) – Assist: 12 (Giorgio Galipò 4). STAT CJTA – Tiri liberi: 12 / 23 – Rimbalzi: 44 5 + 39 (Diego Corral 18) – Assist: 16 (Santiago Bruno 5)

 

Due mesi per aspettare una vittoria, solamente 4 giorni per concedere il bis. Il CJ Basket Taranto è definitivamente guarito e lo dimostra espugnando il PalaPellegrino per 75-71 nella 26sima giornata di serie B Old Wild West girone D.

Il successo sul parquet della Teramo a Spicchi arriva dopo un overtime e una partita giocata praticamente per 45 minuti punto a punto in cui i rossoblu hanno avuto sempre il sangue freddo e non si sono mai scomposti anche quando la TaSp ha più volte pareggiato il match. A fine 4° quarto con Calbini che ha mandato la partita all’overtime e nel supplementare quando due triple, di Melchiorri e dell’onnipresente Calbini hanno rimesso in parità il punteggio. Il CJ ha saputo sempre rimettersi a giocare con scelte giuste, affidandosi alla circolazione di palla e ai suoi interpreti, come nelle due triple di Cena che hanno spaccato l’overtime e alle penetrazioni di Corral, Rocchi e Bruno che hanno portato a casa i punti necessari per vincere il supplementare. Alla fine Cena e Corral 17 punti in due, Bruno 16, Rocchi 13, Conte 5, Villa 5, Graziano 2.

Coach Olive cambia ancora il quintetto: c’è sempre Rocchi nello starting five, con lui Cena, Corral, Bruno e Villa. Coach Gabrielli risponde con Calbini, Di Donato, Perin, Galipò e Casoni.

Parte meglio Teramo con Casoni e Galipò per il 4-0. Taranto ci mette un po’ a scaldare la mano che però sarà rovente nel primo quarto specie dalla lunga distanza. La lunga serie di triple la inizia Rocchi su assist di Villa. La TaSp allunga 9-3 con Perin e Casoni. Allora il CJ torna dall’ultimo arrivato, Rocchi che non tradisce e bissa la tripla iniziale. Il pari è nell’aria e lo firma Cena sempre da tre. Coach Gabrielli manda in campo Guastamacchia che ha grande impatto sul match, due canestri in fila e +4 interno. Taranto ha Conte in campo, il capitano e Rocchi trovano falli e liberi per il nuovo pari a 13. Di tripla in tripla, l’ultima del primo quarto di Cena regala il primo vantaggio CJ 13-16 su cui si chiude il parziale.

Primo canestro di Teramo anche nel secondo quarto, con Calbini. Corral segna il suo primo canestro che è anche il primo tiro da due a segno di Taranto della partita dopo solo liberi e triple della prima frazione. Si gioca punto a punto, anche Cianci e Bruno si iscrivono a referto. Manca ancora una tripla dei padroni di casa che si sbloccano con Di Donato, è anche il sorpasso sul 23-22. Il CJ aumenta le marce soprattutto sull’asse Villa-Corral: il play ex Milano segna il controsorpasso, poi arma la mano del pivot argentino che segna, subisce il fallo e completa il gioco da tre punti dalla lunetta; a completare il break di 8-0 la tripla sempre di Villa. Taranto va a +5 ma pasticcia nell’ultimo possesso, perde palla e viene punita dalla tripla di Di Febo sulla sirena che manda tutti negli spogliatoi sul 28-30 CJ.

Non c’è due senza tre e per il terzo quarto di fila è di Teramo il primo canestro con Perin. Taranto risponde con Cena e Conte, nel mezzo la tripla di Casoni fino al 34-34. Sempre punto a punto, l’equilibrio lo rompe un’altra tripla dei padroni di casa, con Sacchi per il 41-37. Allora Bruno risponde per le rime, non una ma due volte, 6 punti totali che riscrivono l’ennesimo pari a 43, poi in chiusura di quarto la piazza Graziano per il 45-43 CJ.

Per l’ultimo quarto finalmente è Taranto ad aprire la contesa con Rocchi, il +4 dura lo spazio di un possesso quello che serve a Sacchi per infilare la tripla del -1. Le triple di Sacchi e Cena cambiano il punteggio ma non la sostanza. Molto di più fanno i 6 punti di Tato Bruno che entra in doppia cifra per poi armare la mano di Corral dall’arco per il +6 CJ che costringe coach Gabrielli a chiamare timeout (51-57). Teramo si riorganizza, Calbini e Casoni attaccano il canestro rossoblu e trovano punti, dalla lunetta e nel pitturato per il -4. Galipò va per il -2, Corral ristabilisce le distanze, ma Taranto ha perso un po’ la maniglia in attacco, Teramo spinta dal pubblico di casa trova i liberi di Perin e poi la penetrazione di Calbini che fa 61-61 a 10” dalla fine. Taranto organizza l’ultima azione, Bruno prova la zingarata in penetrazione ma il suo appoggio a canestro viene sputato dal ferro rinviando tutto e tutti all’overtime.

Sulle ali dell’entusiasmo Calbini apre il supplementare con canestro, fallo subito e libero. Taranto resta concentrata, si affida alla circolazione di palla e trova Cena libero di “offendere”, tripla del nuovo sorpasso per l’argentino che si ripete nel possesso successivo: 64-70. Sembra fatta ed invece Teramo ha sette vite come un gatto, trova due triple insperate con Melchiorri e Calbini a 1’ dalla fine e rimette tutto in parità, 70-70 con lo spettro di un altro overtime. Rocchi si rimette ad attaccare testa bassa, trova due falli, fa 3/4 dalla lunetta per il +3. La TaSp organizza l’ultimo attacco, Calbini va dentro, trova il fallo, non il canestro annullato per mancanza di continuità nel movimento. Il resto sono solo liberi utili solo per le statistiche, quel che conta è la seconda vittoria consecutiva di Taranto che può trascorrere una buona Pasqua prima del rush finale di regular season.

Che riprenderà domenica 16 aprile col match casalingo contro Pescara, al Tursport.

MEDIA – Su Radio Cittadella anche quest’anno radio ufficiale rossoblu, al sito www.radiocittadella.it la differita streaming in chiaro del match andrà in onda giovedì 6 aprile alle ore 14.30.

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento