Pallavolo

Prestazione a due facce della Lavinia Group Volley Trani, che al Pala Dileo di Cerignola si arrende alla Brio Lingerie per 3-1 (25-13, 25-22, 27-29, 25-11), chiudendo con una sconfitta il girone d’andata.

Il sestetto di coach Mazzola gioca una parte centrale di match sontuosa, spaventando le fucsia nel secondo set e conquistando il terzo giocando in maniera convincente e decisa. Meno buono decisamente l’approccio e l’epilogo della sfida, laddove nel primo e nel quarto parziale, le ragazze di coach Valentino hanno avuto facilmente la meglio di Montenegro e compagne.

Parte male, malissimo la sfida degli squali, che pronti-via si ritrovano sotto 11-2, costringendo al primo time out coach Mazzola. Trani soffre molto gli attacchi centrali di Piarulli e Giancane, Matrullo è una sentenza ad ogni pallone toccato. A Cerignola gira tutto alla grande, le biancoblu faticano anche nelle cose basilari. Le pantere raggiungono il massimo vantaggio a metà set (18-6), la reazione è solo accennata e il primo parziale va in archivio in poco più di 20 minuti sul punteggio di 25-13.

Con un approccio così è facile pensare ad una rapida debacle delle biancoblu. E invece la Lavinia Group Volley Trani entra negli 81m² completamente rivoluzionata, non nelle atlete in campo (da segnalare l’esordio in sestetto della nuova palleggiatrice Cecilia Di Norscia) ma nell’atteggiamento. Che è un’altra partita lo si capisce già dalle prime battute, dove le due squadre si equivalgono e vanno a braccetto fino a metà set (14-14). Qui le padrone di casa con Giancane piazzano il primo break del secondo set di 3-0, nel mezzo un discutibilissimo fallo in attacco fischiato a Miranda. Come spesso accaduto nel battute finali dei set nelle ultime gare, Trani è vicina alle avversarie (21-19, 23-21) ma senza riuscire ad agguantarle. Va così in archivio anche il secondo parziale: 25-22.

Parte malissimo il terzo set: subito le fucsia si portano sul 5-1 e il match sembra incanalarsi verso il 3-0. La reazione però della Lavinia Group è veemente ed immediata, riuscendo grazie ad una migliorata difesa e ricezione a tornare a contatto e infine impattare (11-11). Cerignola è sempre avanti, Trani insegue con forza ma sembra sempre mancare qualcosa quando deve mettere la freccia, così le padrone di casa allungano nuovamente (17-14). Qui però guidate da Giannone, le biancoblu piazzano un break di 2-6 che porta le ospiti al primo vantaggio (19-20). Curci e compagne si portano sul 21-23, ma le pantere impattano. Trani spreca tre set ball, Cerignola addirittura due match ball, ma alla fine a spuntarla sono le ospiti, con uno spettacolare 27-29.

Quarto set, la stanchezza invade le atlete tranesi, che non sono praticamente mai in partita. Il parzialone iniziale di 15-3 spegne ogni velleità di portare il match al tie break, Cerignola con il pilota automatico fino al 25-11 finale.

Ancora una volta la Lavinia Group Volley Trani si dimostra capace di grandi cose, ma non raccoglie alcun punto. La sconfitta di Cutrofiano a Bisceglie per 3-2 (le leccesi erano avanti 0-2) fa tirare alla squadra del presidente Mimmo Cosentino un sospiro di sollievo, con la salvezza lontana ora due punti. Adesso due settimane di pausa, poi si torna ancora a Cerignola per il delicatissimo scontro salvezza contro la FLV.

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento