Basket

Teramo e Sala Consilina sono a due lunghezze. Scontro diretto favorevole contro Teramo e sfavorevole contro gli uomini di Paternoster. Domenica partita fondamentale contro Taranto.

A Sala Consilina finisce 78-82

La White Wise Monopoli continua a sperare. Con la vittoria di Sala Consilina dell’ex Paternoster, la compagine di coach Salvemini si porta a due lunghezze dai campani e da Teramo a tre giornate dal termine. Impresa (quasi) a metà, perché lo scarto finale lascia un po’ di amaro in bocca considerato che, se invece di vincere di quattro, il distacco fosse stato di almeno sei lunghezze a favore dei monopolitani, lo scontro diretto sarebbe stato favorevole alla White Wise. Scontro diretto che, invece, è favorevole contro Teramo, che è distante due lunghezze, esattamente come Sala Consilina. Ad ogni modo, tutto torna in ballo: Monopoli dovrà cercare l’impresa nelle prossime tre partite (Taranto in casa, Roseto fuori e Ruvo in casa). Questo il calendario di Teramo a Sala Consilina: gli abruzzesi affronteranno Ruvo in casa, Pozzuoli fuori e Roseto in casa, mentre Sala Consilina giocherà contro Pescara in trasferta, Bisceglie in casa e Corato fuori. L’accesso ai play-off si giocherà sul parquet ma anche con il livescore. Veniamo alla partita di Sala Consilina. Dopo un primo quarto non positivo, i monopolitani hanno cominciato a macinare punti e gioco, trascinati da Laquintana capace di mettere a segno ben 27 punti con 6\10 da tre punti nei momenti chiave del match. Nella prima frazione, i campani riescono a raggiungere un massimo vantaggio di nove lunghezze, ma nel secondo quarto Monopoli entra finalmente in partita con Moretti che, dalla distanza, firma il -4. Al 13’ Bastone per il -2, mentre al 16’ è Ragusa, con due liberi realizzati, ad impattare sul 32-32. Subito dopo arriva il primo vantaggio con Biordi; al 18’ il primo allungo ospite con una tripla di Laquintana per il 35-41. Gli uomini di Salvemini vanno all’intervallo lungo in vantaggio di 7 (39-46). Dopo i 15 minuti di pausa, Monopoli esce benissimo dai blocchi e Biordi schiaccia per il +11, ma Sala Consilina rientra velocemente in partita e con Erkmaa si riporta a -2 a metà frazione. Laquintana ed una tripla di capitan Annese riportano la White Wise sul +7, tripla di Laquintana per il +8 al 26’ ma i campani non mollano e piazzano un parziale di 9-0, culminato con una tripla di Cumminella per il sorpasso al 28’. Moretti da 3 firma il controsorpasso e l’ultimo quarto inizia con Monopoli in vantaggio di 2. Si va avanti punto a punto tra mille tensioni, ma al 36’ una tripla di Biordi consente alla White Wise di portarsi sul +6. Al 38’ una tripla di Laquintana firma il +8 Monopoli, punteggio che avrebbe consentito di avere anche gli scontri diretti a favore, ma Giunta ed Erkmaa accorciano le distanze. Nel finale si gioca sia per la vittoria che per il distacco: finisce 78-82 ma ciò che conta per Monopoli è che sia tornato tutto in gioco. Domenica, alla tensostruttura, arriva Taranto: inutile sottolineare l’importanza che avrebbe una vittoria.

Diesel Tecnica Sala Consilina – White Wise Basket Monopoli 78-82 (27-19, 12-27, 22-17, 17-19)

Diesel Tecnica Sala Consilina: Luigi Cimminella 23 (5/9, 3/10), Bozo Misolic 14 (6/11, 0/0), Hugo Erkmaa 12 (2/6, 1/4), Amar Klacar 10 (3/9, 1/4), Simone Giunta 9 (4/8, 0/2), Milos Divac 8 (2/5, 1/3), Simon obinna Anaekwe 2 (1/1, 0/0), Marco Caloia 0 (0/0, 0/1), Ognjen Miljkovic 0 (0/0, 0/0), Niccolò Lurini 0 (0/0, 0/0), Giuseppe Grottola 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 14 / 22 – Rimbalzi: 46 19 + 27 (Hugo Erkmaa 9) – Assist: 10 (Luigi Cimminella, Bozo Misolic, Hugo Erkmaa, Amar Klacar, Simone Giunta 2)

White Wise Basket Monopoli: Giovanni Laquintana 27 (3/5, 6/10), Ygor Biordi 14 (4/6, 1/2), Nicola Bastone 12 (3/9, 1/3), Gioele Moretti 11 (0/0, 2/6), Riccardo Ballabio 8 (3/6, 0/2), Luciano Tartamella 5 (1/1, 1/1), Matteo Annese 3 (0/2, 1/2), Jacopo Ragusa 2 (0/3, 0/0), Giulio Martini 0 (0/0, 0/0), Pietro Da rin 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 18 / 27 – Rimbalzi: 39 10 + 29 (Ygor Biordi 14) – Assist: 18 (Riccardo Ballabio 6)

 

Foto: Filippo Danese

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento