Pallavolo

Troppo il divario complessivo di esperienza tra la United Volley Pomezia e la Zero5 Castellana Grotte che cede per 0-3 (14-25, 18-25, 16-25) nella terza giornata di ritorno del campionato nazionale di volley femminile, serie B1.

Così come nella gara di andata, la Zero5, escluso qualche frangente di gioco, capitola contro una squadra molto concreta, che attacca con grande efficacia e difende con ordine e precisione. Il muro pometino ha vanificato quasi tutti gli attacchi della Grotte Volley o chiudendo direttamente il punto o mettendo la propria difesa nelle migliori condizioni per il successivo contrattacco. Insomma, “sembravano due squadre di categoria diversa”, come ammette mister Ciliberti a fine gara. In effetti, le pur volenterose padrone di casa, hanno trovato un avversario che ha lasciato loro veramente pochissimo spazio.

Coach Tarquini per la squadra laziale schiera Frasca, top scorer con 14 punti, opposta ad Oggioni 6, Corvese 12 e Viglietti 1 al centro, Liguori 8 e Bigioni 9 laterali, Lanzi libero. Entrate Grossi e Mordecchi, non entrate Zannoni, Prati, Marcelli, Prete e Palermo.

Ciliberti risponde con Bazzani 8 opposta a Gulino, centrali Avellini 5 e Belotti 2, schiacciatrici Kohler 6 e Soleti 8, Recchia Stefania libero. Entrate Penna 1 e Fabbo 1, non entrate Recchia Alessandra, Fino e Caffò.

Si parte con le squadre in sostanziale equilibrio fino al 7-8, poi la squadra ospite cresce vistosamente e la Zero5 fa quello che può. Dal 7-8 al 10-18 è un assolo laziale ed i tre punti della Zero5 sono tutti frutto di servizi sbagliati dal Pomezia che, se migliora in quel fondamentale, potrà dire la sua nelle zone alte della classifica. Continua così, senza grossi contraccolpi, fino al 14-25 di fine set per un muro su Soleti.

E l’andazzo non cambia nel secondo set. Si passa dal 5-8 al 9-17. Ciliberti sostituisce Gulino con Fabbo e Kohler con Penna, ma dopo una bella reazione di Bazzani, Soleti e Penna (15-18), ritorna la pressione ospite fino al 18-25 di fine set.

Fabbo rimane in campo nel terzo parziale ed aumenta un po’ la capacità difensiva della Zero5, ma il Pomezia non si deconcentra e procede con la propria azione incessante mantenendosi sempre in vantaggio (5-8, 12-16, 14-20) ed accelerando nel finale per chiudere meritatamente sul 16-25.

Questo il commento dei tecnici a fine gara.

Tarquini, Pomezia: “Noi abbiamo lavorato molto per preparare questa partita perché sapevamo di trovare un avversario in crescita, capace di prendere un punto a Messina e di battere il Baronissi. Da quando ho preso la squadra, stiamo lavorando su quello che ci serve per migliorare, affrontando tutte le partite come se giocassimo contro la capolista”.

Ciliberti, Zero5: “Pomezia è tra le squadre più forti del campionato, non dovrebbe avere grossi problemi ad arrivare tra le prime. Loro mettono la palla dove vogliono, hanno tutti i colpi. Noi stasera abbiamo anche dei demeriti, ma loro hanno vinto soprattutto per loro merito. Contro queste atlete per noi è molto dura, non c’è stata gara, non ci hanno fatto proprio giocare. La loro predominanza è stata schiacciante”.

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento