Basket

I rossoblu con un grosso impatto nel primo quarto vincono il match con gli abruzzesi mandando tutto il roster a referto e Corral, Rocchi e Sampieri in doppia cifra

CJ BASKET TARANTO – PESCARA BK 2.0 76-43

CJ Basket Taranto: Diego Corral 13 (3/6, 0/1), Simone Rocchi 11 (1/6, 3/6), Luca Sampieri 10 (4/7, 0/0), Francesco Villa 9 (3/3, 1/2), Gianmarco Conte 9 (1/2, 2/7), Enzo damian Cena 7 (2/4, 1/2), Francesco D’agnano 6 (3/4, 0/1), Mattia Graziano 6 (2/3, 0/1), Santiago Bruno 5 (1/2, 1/4), Andrea francesco Liace 0 (0/1, 0/0), Francesco Gaeta 0 (0/0, 0/0), Marcello Piccoli 0 (0/0, 0/0). All. Olive.

Pescara Bk 2.0: Andrea Capitanelli 12 (3/5, 1/4), Traore Bassidiki 8 (4/4, 0/2), Loris Masciopinto 6 (2/4, 0/4), Domenico Fasciocco 5 (1/5, 0/5), Baye Modo seye 4 (2/2, 0/0), Manolo Perella 4 (2/6, 0/5), Alberto Del prete 4 (2/4, 0/1), Davide Pucci 0 (0/3, 0/1), Robert marian Paliciuc 0 (0/0, 0/0), Seraphin Kadijvidi boussoukna 0 (0/0, 0/0). All. Cova.

Arbitri: Dario Di Gennaro di Roma (RM) e Emanuela Tommasi di Veroli (FR). Parziali: 23-6, 15-11, 19-10, 19-16. STAT TA – Tiri liberi: 12 / 17 – Rimbalzi: 34 6 + 28 (Enzo damian Cena 8) – Assist: 15 (Francesco Villa 7). STAT PE – Tiri liberi: 8 / 14 – Rimbalzi: 34 8 + 26 (Andrea Capitanelli 8) – Assist: 10 (Manolo Perella 4)

Nessuna distrazione, nessun tentennamento, dritti allo scopo. Il CJ Basket Taranto fa il suo dovere e fa sua la partita contro il Pescara Basket 2.0 battuto nettamente per 76-43 nella 27sima giornata del campionato di serie B Old Wild West 2022/23 girone D.

I rossoblu sono entrati concentrati in campo con l’obiettivo di far valere l’enorme differenza di classifica con gli abruzzesi penultimi e ci sono riusciti con un primo quarto quasi perfetto. Poi hanno saputo amministrare distribuendo, dalla panchina, le forze, e dando minuti e fiducia ai giovani. Il risultato è visibile nel tabellino con Corral, Rocchi e Sampieri in doppia cifra ma tutti a ridosso della decina, con la soddisfazione di iscriversi a referto anche per i giovanissimi Liace e Gaeta.

Coach Olive, ancora in contumacia Piccoli, parte con Rocchi, Cena, Corral, Villa e Bruno. Oach Cova risponde con Capitanelli, Fasciocco, Pucci, Masciopinto e Seye.

Taranto parte forte e mette le cose in chiaro sin dal primo quarto con la tripla di Cena, pareggia sub ito Capitanelli. Ma poi il CJ si scatena e piazza un break infinito di 20-3. Salgono in cattedra Cena e Villa capaci di battere dal palleggio la difesa abruzzese, poi arriva imperiosa la schiacciata di Corral che costringe coach Cova a chiamare già a metà quarto il primo timeout. Il resto lo fanno la tripla di Bruno e i canestri di Rocchi per il 23-6 alla prima sirena.

La musica non sembra cambiare a inizio secondo quarto quando Taranto chiude già i conti piazzando un altro break importante con tre triple di fila, due di Rocchi e una di capitan Conte. Nel mezzo i canestri di un ottimo D’Agnano pure lui uscito bene dalla panchina. Il +28 quando sono passati solamente 14 minuti è abbastanza eloquente. Arriva la flessione, prevedibile e fisiologica dei rossoblu con Pescara che rialza la testa con Traore ma Taranto va comunque al riposo avanti 38-17.

Al rientro Taranto ritrova la circolazione di palla dei primi 15’, infila un paio di triple con Villa e Rocchi e riallunga sul +27. Capitanelli si prova a ispirare e trascinare i suoi giovani compagni ma ci riesce poco a differenza delle ultime uscite incoraggianti. D’Agnano risponde presente ancora una volta così come Tato Bruno ma è la tripla di capitan Conte a segnare il +30 proprio allo scadere del terzo quarto 57-27.

Nell’ultimo quarto è già tempo, a dire il vero da un po’, di garbage time. Coach Olive ruota gli uomini, spazio massiccio per gli under che continuano la loro crescita, l’intensità non cala, D’Agnano e Sampieri rispondono presente, per il giovane play arriva anche la doppia cifra, la seconda della stagione. Poi Mattia Graziano mette il punto esclamativo con la schiacciata del massimo vantaggio: +37! Nel finale c’è anche spazio per Liace e Gaeta.

Taranto cala così il tris di successi nel mese di aprile e resta in scia ad Avellino in lotta per l’8° posto staccando alle sua spalle Salerno. Domenica prossima terz’ultima di regular season, c’è il derby di Monopoli.

 

Foto: A. Castellaneta

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento