Basket

I nerazzurri concedono fin troppo all’implacabile attacco avversario

È difficile immaginare di poter vincere in trasferta concedendo ben 97 punti ai contendenti. I Lions Bisceglie non sono riusciti in quella che si sarebbe rivelata un’autentica impresa: sul parquet del palasport di viale delle Medaglie d’Oro di Caserta è maturata la quinta battuta d’arresto nel girone D del torneo di Serie B Old Wild West.

I nerazzurri sono scattati bene dai blocchi (4-11 al 4’) ma la compagine di Terra di Lavoro, trascinata da un ispirato Lucas, si è rimessa subito in sesto (16-15). Caserta ha assestato uno strattone in apertura di seconda frazione (27-21), immediatamente restituito dal team biscegliese (28-31) e l’equilibrio ha caratterizzato il match fino all’intervallo lungo.

I padroni di casa, al rientro dagli spogliatoi, si sono prodotti in un generoso tentativo di allungo, propiziato da percentuali piuttosto elevate nel tiro dalla lunga distanza (61-54 al 25’). Quando l’ex Drigo e Sergio hanno confezionato il massimo vantaggio bianconero (69-58), il collettivo di coach Nunzi hanno provato a ricucire (69-62) ma Mei e compagni, implacabili, li hanno ricacciati indietro (75-62). Reazione dei Lions con i canestri di Vavoli e Bini (75-67 al 33’), insufficiente a placare l’irruenza degli avversari, che con Drigo (88-72) hanno messo l’ipoteca sulla vittoria già a tre minuti dal termine.

 

Caserta-Lions Bisceglie 97-82

Caserta: Mastroianni 11, Sperduto 13, Lucas 13, Drigo 22, Visentin 6, Mei 10, Sergio 8, Cioppa 12, Cortese 2, Romano. N.e.: D’Aiello, Pagano. All.: Luise.

Lions Bisceglie: Dron 7, Dri 9, Chiti 6, Bini 13, Dip 11, Borsato 11, Vavoli 19, Pieri 6, Verazzo. N.e.: Provaroni, Mastrodonato. All.: Nunzi.

Arbitri: Bernassola e Berger di Roma.

Parziali: 21-19; 45-45; 71-62.

Note: uscito per cinque falli . Tiri da due: Caserta 16/33, Bisceglie 17/43. Tiri da tre: Caserta 9/28, Bisceglie 13/34. Tiri liberi: Caserta 11/12, Bisceglie 9/12. Rimbalzi: Caserta 49, Bisceglie 36.

Foto: C. Pellegrini

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment