Pallavolo

Prima sconfitta stagionale per la Lavinia Group Volley Trani che al Tenso di Castellaneta, davanti ad una bella cornice di pubblico, cede alla Greenergy per 3-1 (25-17, 23-25, 25-17, 25-16).

Le biancoblu, quasi sempre costrette ad inseguire, pagano oltremodo la molta imprecisione, risultando un po’ scariche nei momenti e negli scambi decisivi. I troppi blackout nel corso dei set hanno condannato le ospiti ad una sconfitta tutto sommato giusta.

Coach Mazzola dà fiducia al sestetto che neanche una settimana fa ha sconfitto Cerignola e la squadra scende bene in campo, anche se da ambo le parti tanti sono i punti conquistati su errore avversario.

Regna l’equilibrio sul parquet, primi 12 punti equamente distribuiti, parità quasi assoluta anche quando metà del set è andato in archivio (12-12). Qui però la ricezione della Lavinia Group Volley Trani cala di intensità e precisione e il 4-0 di parziale costringe Coach Mazzola a chiamare time out.

Al termine della mini pausa subito punto Trani, ma l’inerzia è nelle mani delle pantere che riescono a conquistare tutti gli scambi lunghi e l’imprecisione ospite fa sì che la forbice resti quasi invariata (20-16).

Nel momento clou del set però gli squali sono imprecisi e Castellaneta con un parziale di 5-1 conquista meritatamente il primo set: 25-17.

Seconda frazione di gioco che si apre ancora sul filo dell’equilibrio, con le bocche di fuoco tranesi che alzano le percentuali realizzative, ma soffrono concedendo tanti aces e punti da posto 2, dove Liguori e co. attaccano con relativa semplicità, nonostante una buona ricezione (11-7).

La partita della Lavinia Group Volley Trani continua a viaggiare a corrente alternata, a buoni parziali seguono quasi sempre contro break della medesima portata e le squadre viaggiano alla stessa distanza per buona parte del set (15-12).

Nonostante il timeout ospite le biancorosse continuano a macinare gioco e punti, mettendo in costante pressione la seconda linea della Lavinia. Sul 20-15 il set sembra ormai nelle mani delle tarantine, ma un parziale nel momento decisivo di 3-10 consegna il secondo parziale a Montenegro e co: 23-25 e 1-1.

Terzo set, il leitmotiv, purtroppo per le biancoblu, cambia rispetto alla prima metà di match. Le ragazze di coach Presta entrano con un piglio diverso e provano a scavare subito il solco (11-5), di fronte Trani non è nel suo match migliore, come i tanti errori dimostrano. Coach Mazzola prova un po’ a mescolare le carte, attingendo dalla panchina, la reazione di metà set lascia ben sperare in un epilogo positivo ai colori tranesi (16-13), ma è solo illusione. Le viaggianti si spingono sino al -2, poi come nel primo set, nel momento topico calano vistosamente e concedono il parzialone decisivo alle avversarie di 8-2.

Ancora una volta il set termina 25-17 e la partita torna nuovamente sui binari tarantini: 2-1.

Quarto set, l’uscita dai blocchi è di quelle molto buone, con Trani che più volte tocca il vantaggio. La parità assoluta nel primo terzo di frazione (8-8) non sembra presagire ad un set a senso unico, ma nella parte centrale le ragazze di casa sono ciniche e scavano di fatto il solco decisivo (20-13). Il canto del cigno ospite sta tutto nell’ultimo break favorevole di 0-3 che tiene accesa una piccola fiammella, ma la partita di Trani finisce qui e Castellaneta conquista il quarto set 25-16 ed una meritata vittoria per 3-1.

Passo indietro rispetto alla gara d’esordio per la Lavinia Group Volley Trani, che eccezion fatta per la bellissima reazione nel secondo set ha disputato una partita sottotono su un parquet ostico. Castellaneta ha disputato una partita ordinata e attenta, troppi gli errori in attacco per Ricchiuti e compagne. Se la vittoria di sette giorni fa non doveva illudere l’ambiente, questa sconfitta non deve demoralizzarlo. Il campionato è lunghissimo, il lavoro da fare ancora tanto. Testa a domenica, perché al Pala Assi arriva Fasano.

TABELLINI: Montenegro 10, Ricchiuti 6, Dambra 4, Giannone 9, Guido 6, Miranda 1, De Kunovich 7

4 ACES

4 MURI

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment