Canoa

All’International Race di Auronzo di Cadore successi nel K4 Ragazze 200 e 500 m, secondo posto nel K4 Junior 500 m

Due ori e un argento con la maglia della nazionale, per Alessandra Centrone.

Vittorie e medaglie che devono avere tutto un altro sapore, per la 16enne atleta del Canottieri Barion che ne ha già conquistate tante, nei primi anni di una carriera che si preannuncia luminosissima.

Il tris in azzurro, due primi posti ed un secondo, è arrivato nella International Race di canoa velocità ad Auronzo di Cadore, manifestazione riservata alle categorie U16, Junior e U23 e valida come test event per i Campionati del Mondo Junior e U23 del 2023.

Due successi ottenuti ed uno sfiorato, tutti nel K4 che ha visto Alessandra Centrone primeggiare nella categoria Ragazze sia sui 200 che sui 500 metri, assieme alle sue compagne d’equipaggio e di nazionale Sofia Zucca, Marta De Battisti e Sophia Vianello, facendo registrare rispettivamente i tempi di 38.64 ed 1:44.83.

Formazione che vince non si cambia ed ecco le fantastiche quattro in gara anche fra le Juniores, sempre sui 500 metri, appena 15 minuti dopo aver ottenuto il secondo oro: è giunto così l’argento con il tempo di 1:46.52, a poco più di cinque secondi dal primo posto.

Un risultato che vale ancora di più, perché conquistato in una categoria riservata ad atlete di un anno più grandi. Torna così in Puglia con tre medaglie, Alessandra Centrone, accompagnata anche in questa trasferta dall’allenatore Dario Bianchini, e rientra in sede con la rinnovata consapevolezza di essere ormai a suo agio nel giro azzurro, e pronta per essere competitiva anche su scala internazionale.

Ma le soddisfazioni del circolo ad Auronzo di Cadore non sono finite con la sua canoista di punta, tutt’altro.

A dare bella prova di sé anche Lorenzo Moretti, 19 anni, e Mattia Santeramo, 18, che hanno gareggiato con i colori del circolo fra gli U23, sfiorando il podio nel K2 1000 metri, distanza completata in 3:37.40, ad appena un secondo di ritardo dai terzi classificati.

I due canoisti del Canottieri Barion ci hanno riprovato anche nel K1, fermandosi tuttavia in semifinale. Ma il bilancio della trasferta bellunese resta assolutamente splendente e la sezione canoa del circolo presieduto da Francesco Rossiello può continuare a pensare in grande.

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment