Futsal

E’ un giro d’Italia, di emozioni, di bellezze, di prime volte e di goal, che non può e non deve assolutamente arrestarsi, quello delle leonesse neroverdi, che fanno anche del Veneto una terra di conquista, battono per tre reti a sei il Padova e tornano a prendersi la scena all’interno del palcoscenico della serie A.

Dopo la sosta forzata a causa del Covid infatti, le ragazze di mister Marcio Santos hanno ripreso le buone, sane ed irrinunciabili abitudini, battendo le bianco rosse scudate grazie alle doppiette di Luciléia e Taina Santos, e le reti di Othmani e Diana Santos, sono salite a quota venticinque punti a meno quattro dalla vetta e si preparano nel migliore dei modi alla sfida casalinga di mercoledì contro il Pescara.

Fra le note più piacevoli, se non la più bella di giornata, l’esordio fra i pali con tanto di parate decisive della classe 2005 di Conversano, Rosangela Mancini. Dopo tutto il futuro, non è nient’altro che una conseguenza del presente …

LA PARTITA

Mister Marcio Santos orfano di Tempesta squalificata e di Tardelli ancora ai box, si gioca il tutto per tutto inserendo dal primo minuto Mancini assiese a Diana Santos, Cenedese, Taina Santos e Luciléia.

Ed è proprio la portierina doc, classe 2005 a rendersi protagonista fin da subito, negando per ben due volte in uscita bassa la gioia del vantaggio alle bianco rosse scudate.

Il Bitonto mette la testa fuori dal guscio al 3’ e lo fa con Luciléia che si coordina in spaccata ma non trova la porta per una questione di centimetri, su assist diagonale di Diana Santos.

La stessa Luciléia, ci prova trenta secondi più tardi dalla corsia di destra, ma il suo tentativo termina alto sopra la traversa.

Neutralizzato dalle braccia del portiere di casa invece, è il tentativo al 6’ dalla corsia di destra di Othmani.

Al secondo affondo di giornata però, il Padova passa con Bernardelle che sotto porta a tu per tu con Mancini non sbaglia e fa 1-0.

Il Bitonto non si scompone affatto e sul ribaltamento di fronte trova subito la rete del pari con Taina Santos, che conclude al meglio il dai e vai con Luciléia per mirare l’angolino basso alla sinistra del portiere e fare 1-1.

Il goal galvanizza le neroverdi, che al tredicesimo completano la rimonta e lo fanno con tocco sulla linea di Luciléia che è più lesta di tutti a ribattere in rete la conclusione in area di Taina Santos, respinta dalla traversa, per il vantaggio Bitonto.

Al 15’ il Bitonto prova a calare il tris con Cenedese, ma il suo tentativo da sinistra, termina centrale fra le braccia del portiere.

Al 16’ invece è ancora ottima la risposta di Manini sui tentativi ravvicinati dell’ex Caciorgna e su quello di Fernandez.

Al 18’, il Bitonto apre la propria sfida personale coi legni, centrando la traversa sulla grand botta dalla distanza di Luciléia, seguita al palo di Taina Santos dalla corsia di sinistra.

Dopo la doppia clamorosa occasione fallita, per la legge dei grandi numeri il Bitonto subisce la rete del Padova che rientra in gara col goal di Fernandez, servita sul secondo palo, a cui basta spingere in rete la sfera a Mancini battuta per il 2-3 all’intervallo.

Nella ripresa mister Marcio Santos prova a cambiare le carte in tavola ripartendo da Mancini, Othmani, Pernazza, Diana Santos e Taina Santos.

La mossa si rivela pienamente vincente, col Bitonto che al 3’ cala il poker con Othmani, brava a capitalizzare al meglio l’assist di Pernazza da destra, aprendo il piattone e vanificando l’uscita bassa del portiere per il 2-4 Bitonto.

Al 5’ cerca ancora gloria Cenedese che sfonda da destra e calcia due volte verso la porta, non trovando però il lieto fine, complice le due parate del portiere di casa.

Estremo di casa, che nulla può però al 7’ quando Luciléia tira fuori dal cilindro l’ennesima meraviglia stagionale sull’assist perfetto dalle retrovie di Taina Santos, per battere il portiere inerme e fare 2-5 per il Bitonto e doppietta personale.

Il Padova non firma la resa ed al 10’ tenta ancora una volta di rientrare in partita col goal dell’ex Caciorgna che sfrutta al meglio l’assist di Fernandez per depositare in rete la palla del 3-5.

Mister Santos lancia nella mischia anche Macchiarella e Pezzolla e proprio quest’ultima all’11’ calcia di prima col destro dal limite dell’area, trovando l’attenta risposta in angolo del portiere.

Al 15’ il Bitonto centra il terzo legno di giornata con Cenedese, dopo il suo tentativo da destra. La stessa Cenedese, che pochi secondi più tardi fallisce la palla del sesto goal, calciando fuori col pallonetto a tu per tu col portiere.

Al 17’ ci prova al volo Taina Santos con una splendida conclusione col destro, su cui è superlativa la riposta in angolo del portiere di casa.

Al 18’ torna a farsi vedere il Padova nella metà campo neroverde, ma il tentativo in area di Sabatino è murato con coraggio in uscita bassa, dalla baby Mancini.

Al 19’ il Bitonto manda definitivamente i titoli di coda sul match e lo fa con Diana Santos, che riceve da angolo, si coordina e calcia col sinistro, trovando la deviazione decisiva di un difensore, per il 3-6 Bitonto.

Bitonto, che prima della sirena finale porta a quattro il conto coi legni di giornata, centrandolo con Luciléia in ripartenza, a tu per tu col portiere.

Al fischio finale è 3-6 per il Bitonto che torna a giocare, torna al successo e si prepara all’affascinante sfida di mercoledì al “Pala Pansini” di Giovinazzo, contro le campionesse d’Italia in carica del Pescara.

Foto: Bitonto C5 Facebook

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment