Futsal

L’intervista al responsabile tecnico Girma Gadaleta

MOLFETTA (BA) – La Nox Molfetta continua la programmazione del proprio settore giovanile.

La società, con la prima squadra in Serie A2 di calcio a 5 femminile, punta forte sulle piccole giocatrici con il progetto avviato nell’estate del 2020 e affidato al responsabile tecnico Girma Gadaleta, supportata dalle giocatrici Anna Giacò e Silvia Iacobone (laterale e portiere della prima squadra, ndr) con la direzione di Flora Diniddio e Mariangela Minervini, pure dirigenti della prima squadra.

A circa 6 mesi dall’avvio degli allenamenti, tra il PalaPansini e i campi della parrocchia Santa Famiglia, il settore giovanile vanta 20 bambine tesserate, tra i 5 e i 14 anni.
Allenamenti di gruppo, due volte a settimana, con amichevoli e partite con le pari età che stanno evidenziando una profonda crescita tecnica delle piccole biancorosse.

«Quando siamo partiti – racconta Girma Gadaleta – non pensavamo di poter tesserare così tante bambine al primo anno, tra l’altro in un contesto interamente femminile: l’impegno e la dedizione che tutta la società, a partire dal presidente Luciano Savi, ha messo e mette per questo progetto è la chiave per capire perchè si sta affermando».

Il settore giovanile punta, dunque, a far divertire prima di tutto queste bambine che rincorrono il pallone per mero fine ludico «seppure vi è l’obiettivo di creare le basi per le giocatrici della Nox Molfetta del domani – prosegue Girma Gadaleta – Non è un caso che lavoriamo in continuità con lo staff tecnico della prima squadra tanto che spesso gli allenamenti vengono tenuti dal tecnico della prima squadra, Alessandra de Bari, come segno conduttore tra le grandi e le piccole».

Chiari per la Nox Molfetta gli obiettivi
 «Un passo per volta – conclude Gadaleta – continueremo sicuramente con le più piccole ma punteremo anche sulle ragazzine più grandi che hanno l’età giusta per formare un’under, magari già in un campionato di base dalla prossima stagione».

Redazione
Author: Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment